Non è sempre domenica!

non è sempre domenica

Dopo una straordinaria doppietta, il team di Elfishing (Inge e Peve) si riporta nella serata successiva sulla solita zona, carico di speranze.

Un pò d’attesa, scrutando il mare, finchè…una nuova mangianza di alletterati, molto simile a quella della serata precedente fa capolino.

La GoPro è in posizione, il Marino si fionda a 20 nodi sui pesci e…

 

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Non è sempre domenica!

Il filmato è comunque molto istruttivo, in quanto ci permette di:

– ricordarvi di non lasciare nulla dietro di voi quando lanciate… visto che, nei momenti di frenesia, come accaduto a me, è facile pensare solo a fare “centro” nella mangianza senza curarsi di dare un’occhiata intorno…con conseguenze potenzialmente nefaste! Nel mio caso, solo qualche imprecazione mentale e un paio di secondi persi…ma poteva andare peggio!

– farvi notare la particolare conformazione di una mangianza di alletterati; come si nota molto bene nel video, questi pesci tendono a formare una vera e propria “onda” circolare, derivante dal loro modo di attaccare il gruppo di pesce foraggio con dei veri e propri “blitz” da tutte le direzioni. Salta immediatamente all’occhio la differenza con gli ampi fronti aperti dai tonni, disposti solitamente su una superficie ampia, e soprattutto con le classiche mangianze dei tombarelli, molto piu composte e limitate nelle esplosioni in superficie. Non è chiaramente possibile generalizzare il concetto, ma possiamo sicuramente affermare che avvistare una mangianza di questo genere porta come primi indiziati i tonni alletterati, talvolta in coabitazione con tonni rossi di pari peso.

 

Insomma…questa volta non siamo riusciti ad effettuare catture, ma alla prossima mangianza di alletterati avremo la nostra vendetta! 😉

Inge
Ingegnere nautico (da cui il nick) con la passione della pesca, nasce a La Spezia nell'ormai lontano 1985. Inizia a pescare ancor prima di camminare, seguendo le orme degli illustri familiari, abilissimi pescatori di orate con lenza a mano e metodo tradizionale. Dopo anni di gloriosi insuccessi, passa inspiegabilmente alla pesca con gli artificiali, ed in particolare alla traina costiera e allo spinning sulle mangianze, di cui si innamora. Ne deriva uno smodato sentimento di amore-odio per i gabbiani, e una vista assai acuta, nonostante gli occhiali, per individuare i più piccoli cenni di mangianza da La Spezia a Capo Corso. Da qualche anno si è avvicinato, nel periodo invernale, alla pesca dei cefalopodi da Riva, con stranamente buoni risultati. Pescatore molto tecnico, detiene nel team anche il primato di pesca alle acciughe e alle aguglie con le mani, di cui è molto orgoglioso... Si può considerare il "tattico" del team, vista la sua passione per la tecnologia (dorme con il GPS) e meteorologia.

Rispondi

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo. more information

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Close