Lampuga-Peve ko tecnico alla prima ripresa

P1010067

E uno pensa….Quasi quasi vado fino a Bonassola a prender due aguglie.

Nasce da un idea così…di basso profilo…il trauma che segna ancora oggi la vita di un uomo. Ma andiamo con ordine.

La fine della prima estate “piena” di spinning del Peve, tra colossali cappotti, ricerca, curiosità e mille domande all’Inge, non accenna a far calare l’ansia da prestazione del malcapitato novellino. Complice un meteo che dopo il pessimo luglio (passato a Courmayeur a guardare una vasca dove si allevano storioni ed immaginando mandrie di sugarelli mannari che fanno scempio di marmotte sulle roccaforti del Mont Blanc) offre giornate di caldo e mare calmo, dando un’occhiata ad una carta nautica il malcapitato elabora un equazione ahimè fatale.

“Davanti agli scogli di Bonassola il fondale scende vertiginosamente….potrebbe essere interessante” . Ovviamente la scarsa dimestichezza, un attrezzatura ancora approssimativa e l’esperienza che latita non fanno che pragmaticamente delimitare le velleità. ” Un boldo….una matassina…ma giusto per provare a due aguglie.”

La discesa sugli scogli non è la più agevole, ma il panorama ripaga parecchio: Il mare che diventa subito blu e la Milf adagiata con interdentale infrachiappa a giusto corollario lasciano subito dopo, purtroppo, lo spazio alle constatazioni amare: scogliera con molti bagnanti, barche che strusciano i parabordi sugli scogli quasi cercassero non un ormeggio ma un parcheggio.

E’ alta stagione…che ci vuoi fare.

Cerca un posto dove la scogliera è bassa, dove la linea della costa crea un piccolo “fiordo”, con all’imboccatura una roccia affiorante dove la schiuma la fa da padrona. A legger sull’internet sembra una scenografia costruita a puntino. Di aguglie nemmeno l’ombra a portata di “tiro”. Solo la sera tornando verso il parcheggio le noterà, molto al largo, inseguite da qualcosa di rostrato mooolto più grande di loro.

Aspettando che il materassino con due bimbiminchia lasciasse lo specchio d’acqua antistante, il nostro mette su un cucchiaino comprato al Decathlon. Così, come dicevamo, senza grandi velleità. Dopotutto le premesse erano altre. La Milf prende la tintarella di schiena, l’occhio cade sempre li quando si gira per lanciare…mah.

Dopo tre quattro lanci, l’attenzione cade su un paio di tonfi in acqua provenienti dalla punta vicina. Per un attimo la sagoma di un pinnuto entra nel campo visivo. “Che sarà mai?” -pensa l’ingenuo- e rifionda lontano il cucchiaino col caratteristico schema canna dietro, occhio alla Milf, lancio.

Quasi ultimato il recupero, con jerkate e stoppate, proprio in prossimità di uno scoglio affiorante lo schianto. La Shimano nexave si piega in maniera impressionante. Il nostro risponde da par suo, pur sorpreso da tanta violenza. La frizione canta pochissimo vicino a quello scoglio perche “la cosa” punta dritta a velocità folle verso il malcapitato che cerca di recuperare il più veloce possibile. Lo schianto contro lo scoglio dell’animale lo sente netto nella canna. Nei suoi ricordi addirittura giurerebbe di aver sentito tremare la roccia sotto i piedi. Poi il delirio.

Nel piccolo fiordo salta, nello splendore del technicolor, una lampuga di un buon metro. La Milf strilla -e il nostro non ha neanche il tempo di riflettere sul fatto che farla strillare sarebbe stato un buon risultato per la giornata- altri bagnanti a voce alta commentano. Il variopinto pinnuto è praticamente svenuto…. a mezzo metro dal bagnasciuga. Il guadino, ovviamente, è chiuso e il Peve decide il tutto per tutto, trascinando la lampuga sullo scoglio. E’ a terra. Si china per agguantarla. In quel momento con una codata si slama, il secondo stadio della canna si stacca, in una frazione di secondo prende il largo lasciando il nostro allibito, una canna divisa a metà in mano.

Si gira verso la Milf, che ha entrambe le mani davanti alla bocca. Probabilmente lei dice qualcosa (che non viene ne capita ne tanto meno memorizzata, a differenza dei capezzoli). Due bagnanti escono dall’acqua mentre lo stordito rimonta la canna. “abbiamo trovato questo, se le interessa” “grazie” risponde ricevendo dalle mani di uno di loro un galleggiante.

E’ ancora intontito quando un branco di piccoli pesci foraggio cerca rifugio sulla terraferma inseguito da due lampughe, decisamente più piccole, fino a riva.

Piano piano riprende possesso delle facoltà psicomotorie ed inizia a lanciare disperatamente in ogni direzione, ma niente.

Passerà altre giornate su quello scoglio, provando ogni genere di artificiale, vedendo le lampughe (mai però della taglia del “mostro”) che inseguono mommotti, proQ, mucho lucir, popper Abu e quant’altro scagliato a mare prima di fare dietro front e risparire negli abissi. Quello spot regalerà al nostro due barracuda di una cinquantina di cm, nei giorni a seguire, e nulla più.

Della lampuga, più nessuna traccia.

E neanche della Milf, taccisua!

 

 

Peve
E' l'apprendista Elfo del Team. Nonostante abbia più anni che la tosse si è avvicinato alla pesca a spinning da un anno e mezzo, plagiato dall'Inge. Tra i suoi ricordi di bambino le parole "muriddu" e "tremolina". Ha completamente perso lucidità da uno schiaffone preso da una Lampuga sugli scogli di Bonassola. Se nel giro di 20 miglia non c'è un sugarello, lui lo allama comunque. Amante del mare e della buona tavola, sogna uno strike "da terra". Nel recente inverno ha sperimentato con discreti risultati l'Egi Fishing, tecnica di pesca da lui definita "Scarafoni Fishing". Non sono "fine"...e per funghi dico ampiamente la mia... e di che tinta...

11 Comments

  1. Cinghiale

    Cinghiale

    3 aprile 2012 at 11:57

    PEVE MERAVIGLIAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!

  2. Inge

    Inge

    3 aprile 2012 at 15:17

    Grande Peve, un salutare schiaffone che ti rimarrà nella memoria più a lungo della MILF!

    • Peve

      Peve

      3 aprile 2012 at 17:56

      Nell’accezione psicoanalitica, la milf in quel frangente, sebbene di pregevole fattura, non avrebbe se sbaranata avuto un effetto di catarsi…..

      • Cinghiale

        Cinghiale

        3 aprile 2012 at 22:28

        Ora non esageriamo…. Se mi fate scegliere tra una milf e la lampuga, io scelgo senza dubbio la prima…..

  3. Inge

    Inge

    5 aprile 2012 at 21:00

    Peve in quella foto li sembri un’acciuga con i pantaloni.

    • Peve

      Peve

      5 aprile 2012 at 22:00

      sai una cippa te come pasturo io…..

    • Peve

      Peve

      6 aprile 2012 at 10:12

      E di notte mi metto le braghe GLOW!

      • Inge

        Inge

        6 aprile 2012 at 11:36

        Povera te mogè! 😀

      • Il Polpo

        polpo

        6 aprile 2012 at 11:41

        Peve, a parte che l’articolo è stupendo, ma se ti presenti così in forma alla stagione del tonno penso ci sarà qualche problemino….visto che ti ho perso anche la cintura……

        • Inge

          Inge

          6 aprile 2012 at 14:06

          più che la frizione devi tarargli la schiena prima di partire. E’ l’elemento più fragile del sistema pescante 😀

          • Peve

            Peve

            6 aprile 2012 at 14:39

            mah…sembrate tanti mocciosi in fila al punching ball…
            o dei filetti di sugarello lardellati…..

            a parte il buon cinghiale non vedo grossi atleti a bordo eh…….

Rispondi

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo. more information

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Close