Filetto di dentice con carciofi e patate

23896_10200186158041764_1697255873_n

MOSCA Vi mancava eh? dite la verità! Da Mosca Chef  Mirko Caldino ci delizia con una sua ricetta: l’interprete è di prima fascia signori…let’s go!

– Chef…qui su elfishing stai latitando…capisco gli impegni, dal Kamchatka a Montalbano ma….

“Hai ragione…vuoi una ricetta veloce veloce da leccarsi i baffi con un pesce della Costa degli Elfi che rimarrà nella memoria dei vostri commensali?”

– E certo!!!!

“Dentice”

– Ecco lo sapevo

“Perchè?”

-Niente….ehm… vai Chef!!!! Gasaci!

“Il dentice è un pesce vive nel Mar Mediterraneo, molto usato nella cucina Italiana, misura mediamente tra i 30 e i 35 cm, ma può arrivare a raggiungere dimensioni anche molto più grandi, fino a un metro.
Dal punto di vista alimentare il dentice è molto apprezzato sin dall’antichità per le sue carni pregiate. Si presta a ricette semplici, che non coprono il delicato sapore: è ottimo alla brace, al forno o al cartoccio, con verdure o patate, servito con un filo d’olio a crudo e del prezzemolo. Una delle ricette più diffuse è quella del dentice in crosta di sale. In questo periodo io lo servo in semplice carpaccio, con un insalatina invernale, oppure come da foto “stufato” con carciofi e patate.”

-Andiamo alla ricetta, Chef?

“Ok! partiamo con gli ingredienti:

160 gr filetto di dentice
1 carciofo
1 patata media
sale, pepe, cardamomo, timo aglio
olio extra vergine
brodo di carciofi”

Ok…con fatica….abbiamo gli ingredienti Mirko…. cosa facciamo?

“Marinate per qualche ora il filetto di pesce con olio, sale, pepe,  timo e aglio; nel mentre scottare in olio bollente i carciofi puliti, aggiungendo cardamomo e aglio, bagnate con acqua salata e lasciare prendere il bollore per circa 5-7minuti.
In una padella fare rosolare velocemente il filetto di dentice, unite il carciofo tagliato a quattro e la patata; sfumate con il brodo dei carciofi e fate cuocere a circa 60 gradi, finche’ pesce non sia cotto.
Servite caldo riducendo il brodo di cottura che ritirandosi diventerà una salsa vellutata e densa. Servite con un pomodoro confit e guarnire con timo e olio extra. Tanta roba!”

Ci crediamo Chef! assolutamente!

Peve
E' l'apprendista Elfo del Team. Nonostante abbia più anni che la tosse si è avvicinato alla pesca a spinning da un anno e mezzo, plagiato dall'Inge. Tra i suoi ricordi di bambino le parole "muriddu" e "tremolina". Ha completamente perso lucidità da uno schiaffone preso da una Lampuga sugli scogli di Bonassola. Se nel giro di 20 miglia non c'è un sugarello, lui lo allama comunque. Amante del mare e della buona tavola, sogna uno strike "da terra". Nel recente inverno ha sperimentato con discreti risultati l'Egi Fishing, tecnica di pesca da lui definita "Scarafoni Fishing". Non sono "fine"...e per funghi dico ampiamente la mia... e di che tinta...

2 Comments

  1. zigoela

    28 novembre 2012 at 18:33

    Tantissima roba!

  2. Inge

    Inge

    28 novembre 2012 at 19:42

    credo la mangerò tra 21, 22 anni…quando tornerò in sardegna, ovviamente. :(

Rispondi

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo. more information

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Close