Non importa quant’è lunga la notte

garinwaves1

Importa quanto la fai durare.

E vi sono notti interminabili dove il buio prende il sopravvento e la luce… la luce non c’è verso non torna, non la fai tornare. La notte spesso è banalmente nel cuore. Nel silenzio assurdo del pensiero, come un tuffo nel mare senza risalita. Puoi pescare per ore allora…pescare per tutta la notte ma quello che ritorna, su, con la lenza, sono sole gocce d’acqua come rugiada attaccata a uno stelo; gocce di sale, come altre ben note.

Parli col mare e non ti risponde così come parli con l’animo umano che ti ritorna solo a gocce silenziose senza dialogo, senza conforto. E mentre passi la lenza tra le dita al buio, per controllare l’esca senza farti male e arrivare all’amo, ecco che quelle gocce si trasferiscono alle tue mani, e chissà come invece di asciugarle te le passi sul viso perché sei assorto, e ti paiono provenire da altrove.

Così può essere il mare, così spesse volte è un cuore imperturbabile. Che non accetta sconfitte e non accetta confronti.

E per quanto frughi in quel mare, che pure è immenso, non c’è una sola creatura in quella notte che ti risponda. E così è l’animo suo, senza udito, senza occhi, parola… buio, sordo, muto. E cieco.

La musica, e il mare.

Ed ecco che allora il mare talvolta entra dentro come una musica profonda, e prende vigore e si gonfia come prendono imponenza le note, quelle basse e potenti, e poi quelle che si accompagnano alla voce altrettanto meravigliosamente profonda di un baritono…che certe volte incanta più di un tenore.

Non per niente molti spartiti sono stati creati pensando, in più tratti, al fragore del mare in tempesta, o alla dolcezza delle acque calme di una laguna che cullano una gondola. Con quante diverse sensazioni possono essere rese le onde del mare, e i loro diversi umori…… uno schizzo..un quadro….un suono, una musica, un’emozione.

 

Il mare mi solleva l’animo, e davvero come una musica placa il mio cuore pure quando è in tempesta… perdervi l’occhio all’infinito, dentro…è come una seduta di ipnosi.

Nel mare il sogno è perdersi a vita come l’olandese volante, non fare ritorno.

Ale
Che dire, se negli anni ’70, d’estate, qualcuno vedeva una bimba solitaria con cappellino marinaro seduta sul bordo di un vecchio pontile di legno presso l’Arenella di Portovenere, con una lenza in mano, ero io. Non ricordo quando ho cominciato, ma a 7 anni per certo inseguivo babbo sott’acqua, lui a pesca col fucile, io dietro col retino imperterritamente convinta di riuscirvi anche così. Ormai è storia (vecchia) che in assenza di lenza e retino mi arrangiavo pescando piccole bavose di scoglio anche col sacchetto del bondì, doverosamente divorato prima. Per molti anni ho rilasciato tutte le prede, poi sono diventata ‘cattiva’ quando le dimensioni loro e mie sono aumentate. Ho avuto pochi ma magnifici maestri, che, bontà loro, mi portano appresso: pare io porti bene. Prediligo la pesca col vivo in mare, a bolentino traina e scarroccio; per poco (anno con ghiaccio sottile) mi è sfuggita la pesca nei laghi del Nord, ma ‘ce l’ho qui’...devo ritentare. Non amo descrivere tecniche (che lascio agli esperti) ma sensazioni. Per il resto sono archeologa.

11 Comments

  1. Peve

    Peve

    3 dicembre 2012 at 15:16

    Splendida, as usually….

  2. Inge

    Inge

    3 dicembre 2012 at 15:20

    …in versione particolarmente poetica. Grazie! :)

  3. Cinghiale

    Cinghiale

    3 dicembre 2012 at 15:25

    E allora ditelo… Con una tal poetessa che scrive sul nostro portale, do definitivamente le dimissioni. =)

    Bella e brava! Brava e bella!

  4. Il Polpo

    il polpo

    3 dicembre 2012 at 15:27

    Era ora! Centellini gli interventi e noi miseri mortali ad agognar i tuoi scritti…..
    Balorda ma brava come sempre…..
    L’Acaro (ma con la A maiuscola)

  5. gioia

    3 dicembre 2012 at 17:56

    Meravigliosa!

  6. Luca

    3 dicembre 2012 at 18:43

    Quando il mare diventa malinconia, meglio allontanarsene per un pò.

    • Inge

      Inge

      4 dicembre 2012 at 14:59

      Secondo me no, qualcuno che ne sapeva più di me diceva che “il mare è lo specchio dell’anima, guardandolo contempli la tua anima”. Forse è il miglior modo per farsi un pò di sana auto-analisi, senza ricorrere ai professionisti del settore :)

  7. Ale

    Ale

    4 dicembre 2012 at 19:49

    Ma grazie a voi :-)

    In quanto alla malinconia….sì la sensazione contrastante è che il mare te la fa dilagare ma poi, se lo ami davvero il mare, instauri un nuovo dialogo che ti rapisce con mille altre sensazioni e ti afferra l’anima per portartela lontano, gonfiandola come una vela. E allora pensi al pesce che in quel momento sta sotto al buio, zitto e furbo..e cerchi di escogitare un nuovo modo per rapire lui; al gabbiano che ti insegue non certo per amicizia…e sorridi (o lo colpisci, come il Peve); all’olandese volante in fondo orgoglioso di guidare perennemente la sua nave…e lo invidi. Pensieri all’infinito. Ma solo se crei l’ingaggio 😉

    (P.S. ma insomma qui mi si da sempre della balorda 😀 )

  8. Inge

    Inge

    7 dicembre 2012 at 14:26

    Balorda è un titolo onorifico che il nostro comandante rilascia solo alle persone di suo assoluto gradimento. Prendilo come un onore altisssssssssssssssimo. :)

  9. Ale

    Ale

    7 dicembre 2012 at 19:29

    ah beh…….allora mi commuovo fino alla lisca 😀

  10. gioia

    30 gennaio 2013 at 18:03

    Sono sempre senza parole……….meravigliosa!!!

Rispondi

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo. more information

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Close