Il silenzio. Impressioni di una pescatrice (donna, non il pesce ;-)) sensoriale

578066_3683515778271_1586420522_2854250_1660400709_n

Ridosso di una piccola isola (i compaesani sanno quale). Avanza una notte che inghiotte una ad una le forme ben note. Ora solo guizzi di sagome d’ombra, di noi. E tutt’intorno il silenzio, e un tuffo d’amo nel mare che scende profondo nel buio come tu nei miei pensieri, che affogano mentre lo inseguono.
Poi il pensiero riprende forma in ‘lei’ che mi blocca tirando quell’amo dal profondo a catturare di nuovo la mia attenzione. E’ un contatto che non ammette dialoghi come spesso la vita, e che concede lampi per ferrare la preda, o sbagliare.
Sbaglio. Forse anche volutamente distratta da una notte struggentemente bella. Canale tra l’isola e il promontorio…uno spettacolo cui difficilmente si può chiedere di più. Semi-nascosti tra i galleggianti neri dei vivai, noi e la nostra barca restiamo comunque in assoluto silenzio mentre ci passiamo una fiaschetta di grappa, doverosamente clandestina anch’essa, destino dell’essere fatta in casa; è morbida e asciutta, profuma leggermente di fumo ma non nel gusto, l’assaporo e mi dico azz..è venuta davvero bene ^.^.
E tutto ciò che si vede, oltre alle luci del nitido paesino di fronte…solo il lumino fioco di una sigaretta ogni tanto, che quando brilla e si incendia ti fa capire che c’è vita intorno, ed è bello intuirla senza vederla e sentirla, solo piccoli indizi.
Poi, di nuovo, quegli attimi di pace si rompono, ma non si squarcia il silenzio: solo senti il il rumore del cuore che si fa più intenso perchè di nuovo il mare ti chiama tirando quel filo che tieni sospeso tra te e lui. E questa volta, dopo una breve battaglia, senza pietà lo chiami fuori, e il mare ti risponde con uno schizzo d’inchiostro o una scodata d’acqua. Ormai sei senza pietà appunto, e tutta inguazzata.. sorridi.

Solo allora una voce sommessa (e ‘nvidiosa :-)) : “..L’hai preso?”

 

Alessandra La Fragola

 

Ale
Che dire, se negli anni ’70, d’estate, qualcuno vedeva una bimba solitaria con cappellino marinaro seduta sul bordo di un vecchio pontile di legno presso l’Arenella di Portovenere, con una lenza in mano, ero io. Non ricordo quando ho cominciato, ma a 7 anni per certo inseguivo babbo sott’acqua, lui a pesca col fucile, io dietro col retino imperterritamente convinta di riuscirvi anche così. Ormai è storia (vecchia) che in assenza di lenza e retino mi arrangiavo pescando piccole bavose di scoglio anche col sacchetto del bondì, doverosamente divorato prima. Per molti anni ho rilasciato tutte le prede, poi sono diventata ‘cattiva’ quando le dimensioni loro e mie sono aumentate. Ho avuto pochi ma magnifici maestri, che, bontà loro, mi portano appresso: pare io porti bene. Prediligo la pesca col vivo in mare, a bolentino traina e scarroccio; per poco (anno con ghiaccio sottile) mi è sfuggita la pesca nei laghi del Nord, ma ‘ce l’ho qui’...devo ritentare. Non amo descrivere tecniche (che lascio agli esperti) ma sensazioni. Per il resto sono archeologa.

7 Comments

  1. Peve

    Peve

    31 maggio 2012 at 19:43

    Grandissima ale…

  2. Inge

    Inge

    31 maggio 2012 at 21:17

    Miticaaaaa :) Benvenuta!!! Era l’ora!

  3. Il Polpo

    polpo

    1 giugno 2012 at 08:47

    Ma che brava! Complimenti e benvenuta a bordo. Non riesco ad inserire la faccina ammirata e sorpresa ma fai finta che ci sia……

  4. Ale

    Ale

    1 giugno 2012 at 15:19

    ..come il peve sa queste righe l’ho scritte per la mia bacheca fb e mi sono state rubate :D, le avrei scritte un poco diversamente per voi ma grazie comunque per il benvenuto.

  5. Peve

    Peve

    1 giugno 2012 at 15:26

    Orgoglioso di essere citato in giudizio per furto con scasso da tal DONZELLA (donna…non il pesce…)

  6. franco

    2 giugno 2012 at 16:15

    pensieri “profondi” ^_^
    scrivine altri e raccoglili tutti insieme: viste le premesse, il risultato sarà migliore de “il vecchio e il mare”.
    aspetto altri racconti ^_^

  7. Emanuela

    9 giugno 2012 at 18:27

    Sono senza parole, mi sembrava di essere sulla barchetta…..sento ancora il sapore asciutto della grappa sotto la lingua…BRAVA!

Rispondi

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo. more information

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Close